Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Ci mancava il nazismo (d’altronde il silenzio genera i mostri)

Quando una ventina di "facce note" del NPD, il partito nazionalista tedesco, si sono infiltrate al congresso berlinese degli iscritti ad Alternative fuer Deutschland (AfD), il partito anti-euro, le associazioni di pensiero sui tedeschi sono scattate automaticamente: rieccoli…

E rieccoli anche i media italiani… pronti a far confusione tra nazionalismo e politiche di interesse nazionale, spesso ottuse ed egoiste, ma pur sempre politiche. A me disgusta abbastanza la sola idea che ci sia qualcosa che sia un interesse nazionale, chiaro e definito. Tuttavia mentre nei confronti del nazismo si deve opporre ogni resistenza, nei confronti delle politiche nazionali ci si deve porre come interlocutori, duri e privi di soggezioni, ma dialoganti.

Conosco il contro-argomento: le politiche di interesse nazionale tedesco hanno contribuito a gettare in miseria alcuni paesi e a suscitare forze naziste in quei paesi, a cominciare da Alba dorata in Grecia. La democrazia in Italia e' sull'orlo della disfunzionalita', non sappiamo in futuro che cosa possa succedere. Non e' forse nazista una politica che produce reazioni naziste? 

La mia risposta e' no, non lo e' fin quando una politica e' aperta a essere modificata con il confronto tra le idee. E questo spetta anche a noi parlando in sede pubblica di Europa e di Euro-area ponendo in cima gli interessi comuni e non quelli nazionali, nemmeno quelli italiani. In tale prospettiva si capisce perche' l'errore di confondere nazismo e interessi non e' da poco.

Il grafico di oggi mostra le opinioni dei tedeschi sull'importanza della continuazione dell'euro e dell'euroarea per l'economia tedesca (i dati sono di Allensbach Institut fuer Demoskopie).

Fazuno

Il grafico mostra chiaramente che la stragrande maggioranza dei tedeschi e' consapevole dell'importanza dell'euro. Ma attenzione: l'importanza dell'euro per l'economia tedesca. Quindi per gli interessi nazionali! Se vogliamo essere sensati, allora possiamo far leva sugli interessi per difendere l'euro area. Se invece siamo tonti, scambiamo gli interessi nazionali per nazionalismo.

Intanto, nel vuoto di intelligenza politica che caratterizza questa crisi, il partito anti-euro Alternative fuer Deutschland sta crescendo. Il suo bacino di elettori potenziali e' del 17-22%. Ma per ora i sondaggi prevedono un consenso tra l'1 e il 3%. Se si avvicinasse al 4% scatterebbe un allarme perche' toccherebbe quello che io chiamo "il punto di fionda". In quel punto infatti gli elettori potenziali penserebbero che il loro voto non sarebbe piu' "verschenkt" cioe' buttato via. Superando la soglia di sbarramento del 5% infatti il partito riuscirebbe a entrare al Bundestag, il Parlamento tedesco.

Tenete conto che per ora solo il 22% degli elettori tedeschi sa dell'esistenza del partito anti-euro. Si tratta dei piu' informati e quindi anche di quelli che sono piu' attrezzati a respingere il richiamo populista anti-europeo. Che cosa succedera' quando gli altri sapranno dell'esistenza di "un'alternativa"? Chi si aspetta che Merkel modifichi strategia tra qui e il 22 settembre, quando siterranno le elezioni federali, si illude.  

Giusto per essere chiaro: scambiare AfD per un partito nazionalista e' stupido. La composizione attuale degli elettori di Alternative fuer Deutschland per provenienza replica quasi esattamente quella dell'elettorato dei partiti tradizionali. Il 40% viene dall'Unione (CDU-CSU), il 27% dall'SPD, ma con una rappresentanza sovrapoporzionale solo tra la Linke (sinistra radicale ed ex comunisti) e tra i Pirati. Nel complesso le motivazioni sono quelle di insoddisfazione per la situazione politica ed economica e fiducia inferiore alla media nei confronti del sistema politico.

L'esperienza del Movimento 5 Stelle in Italia dimostra che queste sono correnti e sentimenti molto potenti nelle societa' europee e che un movimento simile ha un potenziale elevato. La correlazione per i movimenti anti-establishment e' con il livello di fiducia nell'economia, ma esiste un continuo scambio tra una formazione e l'altra. Mentre i Freie Waehler scendevano, salivano i Pirati. Mentre i Pirati scendevano saliva AfD. Non c'e' una chiara correlazione con l'andamento dell'economia, ma esiste un vuoto politico che viene riempito da voci sempre piu' forti.  

Se fossi nel governo italiano, questo sarebbe l'argomento che farei presente alla Cancelliera Merkel nel suggerirle di non nascondere il proprio sostegno all'Europa. E' il silenzio che genera i mostri.